>Filippo La Porta | Come un raggio nell’acqua, Salerno

Filippo La Porta | Come un raggio nell’acqua, Salerno

atuttovolume

Cortile del Vescovado - Ragusa

Venerdì 11 giugno 2021

18:00

conduce Giulia Cacciatore

Dante e Beatrice attraversano la luna senza scompaginarla, come un raggio di luce entra nell’acqua senza turbarla. Un’immagine che diventa il modello della relazione tra individui. Certo, Dante intende riformare l’umanità degenerata e combattere gli eretici, ma nella terza cantica ci consegna un’altra verità, più nascosta e apparentemente impolitica, racchiusa in quella abbagliante epifania lunare. Attorno alla sacralità e inviolabilità dell’altro vengono convocate alcune “guide novecentesche” (Stein, Arendt, Zambrano, Levinas), capaci di ispirare un modello di conoscenza non più fondato sul dominio, ma su una passività ricettiva. La “mitezza”, elogiata da Norberto Bobbio, ci ricorda che l’imperativo morale più alto non è tanto aiutare il prossimo quanto lasciarlo essere quel che è. In questa etica del rispetto – unico modo per dare realtà all’altro – sta la lezione sempre attuale di Dante, che dalla sua “distanza” giudica il nostro presente premendo su di noi con gli interrogativi più urgenti. Solo se ci accostiamo a lui come se la “Commedia” fosse stata scritta per noi, potremo ricavarne ragioni di vita.

la porta filippo

Filippo La Porta

Filippo La Porta: critico letterario, giornalista e saggista. Scrive su «La Repubblica» e collabora a varie testate. Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo almeno Pasolini. Profili di storia letterari (Il Mulino 2012), Il bene e gli altri. Dante e un’etica per il nuovo millennio (Bompiani 2018), Eretico controvoglia. Nicola Chiaromonte, una vita tra giustizia e libertà (Giunti Editore-Bompiani 2019). Ha vinto il Premio nazionale Latina per il tascabile "La Bancarella" nella stagione ’97-’98.