>Silvia truzzi, Gianni Barbacetto, Marco Travaglio | COSA RESTA DI TANGENTOPOLI

Silvia truzzi, Gianni Barbacetto, Marco Travaglio | COSA RESTA DI TANGENTOPOLI

atuttovolume

Piazza San Giovanni - Ragusa

Sabato 11 giugno 2022

21:45

Silvia Truzzi dialoga con Gianni Barbacetto e Marco Travaglio coautori di Mani pulite (Chiaralettere)

Cosa resta oggi di Mani pulite? Secondo la vulgata dominante, nulla, perché la corruzione da allora è continuata, forse addirittura aumentata. Ma un’indagine non si giudica dal numero di reati simili commessi dopo, altrimenti tutte sarebbero un fallimento, visto che nessuna è mai riuscita ad abolire i reati successivi. Questo libro, pubblicato per la prima volta nel 2002 e ora riproposto in una nuova edizione, è il racconto più completo di una tempesta politica e giudiziaria che non ha eguali nella storia: per il numero di persone indagate, processate e giudicate colpevoli in sentenze di condanna, patteggiamento, prescrizione e persino assoluzione o proscioglimento o archiviazione o amnistia o indulto o condono per i più svariati cavilli. In questi trent’anni, c’è chi ha provato a raccontare Mani pulite come un’operazione politica di magistrati ideologizzati per colpire gli innocenti di una parte e favorire i colpevoli dell’altra. Ma le campagne politico-mediatiche negazioniste e revisioniste non hanno scalfito la percezione di quei fatti nell’opinione pubblica, sebbene abbiano fatto breccia e proseliti nel mondo politico, in quello mediatico sottostante e persino in una parte di quello giudiziario. È vero, quasi nessuno dei colpevoli di Tangentopoli ha scontato la pena in galera, ma ciò non è dipeso dalle indagini delle Procure bensì dalle leggi fatte prima, durante e dopo per assicurare l’impunità ai tangentisti. Leggi che fanno dell’Italia il paradiso dei delinquenti e l’inferno delle vittime. Infatti ancora oggi le Italie sono due: quella che vive nel terrore che il 1992 si ripeta e quella che lo spera con tutto il cuore.

in collaborazione con 

medicare2

Marco Travaglio

Marco Travaglio è direttore de Il Fatto Quotidiano. Ha lavorato con Indro Montanelli a “il Giornale” e a “La Voce”. Ha collaborato con “l’Indipendente”, “Cuore”, “il Borghese”, “L’Espresso”, “la Repubblica”, “l’Unità”.

Gianni Barbacetto

Gianni Barbacetto è giornalista e scrittore. Ha collaborato con "Il Mondo", "L’Europeo", "Diario", è oggi una delle principali firme de Il Fatto Quotidiano.

L’accesso agli incontri è LIBERO e GRATUITO.
Se vuoi riservare la tua sedia, PRENOTA.