>Paolo Nucci | Perché (non) fare il medico, Piemme

Paolo Nucci | Perché (non) fare il medico, Piemme

atuttovolume

Cortile del Vescovado - Ragusa

Venerdì 11 giugno 2021

21:00

conduce Iole Campo

In quest’ultimo anno, causa pandemia, la figura del medico è stata al centro di elogi smisurati e critiche spietate, ma per tutti rappresenta una categoria indispensabile per fronteggiare le malattie e le paure che ne conseguono. “Perché (non) fare il medico” passa in rassegna le fasi che si susseguono nel corso della vita professionale di un medico, mettendone in luce i moventi, le fonti di preoccupazione, di soddisfazione e le responsabilità. E, soprattutto, cerca di rispondere ad alcune domande fondamentali: perché scegliere di fare il medico? Come si diventa medici? Come ci si sente, una volta che si è medici? Perché smettere di farlo? Un testo agile e accessibile rivolto a tutti, allo studente (o aspirante) di medicina come allo specializzando, ai medici professionisti, ai docenti di medicina, ai pazienti e a chiunque abbia mai pensato, anche solo per un momento, di abbracciare la professione, o sia semplicemente curioso di saperne di più. Una sorta di diario di bordo per capire come si affrontano temi e problemi diversi, quali l’importanza della formazione continua e dell’aggiornamento delle competenze, la sofferta problematica del contenzioso medico-legale e della medicina difensiva, oltre al complesso rapporto con i colleghi, e i cambiamenti della medicina rispetto al passato. “Perché (non) fare il medico” cerca, attraverso il vissuto di un professionista di grande esperienza come Paolo Nucci, senza sconti e mezze verità, di offrire uno scorcio onesto e sincero dell’universo medico, anche riguardo a quegli aspetti del “mito” che fanno parte del bagaglio d’ineffabilità che la professione ippocratica porta con sé da millenni.

In collaborazione con

logo-asp
paolo nucci

Paolo Nucci

Paolo Nucci è un accademico e scrittore italiano. Insegna Malattie dell'Apparato Visivo presso l’Università degli Studi di Milano. Dopo essersi specializzato in oftalmologia nel 1988 ha perfezionato le sue competenze professionali con un Fellowship in Oftalmologia Pediatrica presso l’Università di Chicago nel 1989. È autore di più di 180 pubblicazioni indicizzate su PubMed che coprono tutto l’ambito delle Scienze della Visione, con particolare interesse rivolto al settore delle patologie dell’infanzia, ambito nel quale ha anche al suo attivo 9 monografie scientifiche. È stato Presidente della Società Italiana di Oftalmologia Pediatrica e del Corso di Laurea in Ortottica dell’Università di Milano. Da alcuni anni si dedica alla divulgazione e comunicazione in Medicina con uno sguardo particolare alla figura moderna del medico e alla rilettura del nostro Sistema Sanitario Nazionale. È autore di libri che esplorano quest’area. L’attività di di divulgazione lo ha visto spesso ospite in numerose trasmissioni televisive[1] e fa parte del Comitato Tecnico Nazionale per la Prevenzione della Cecità[2] del Ministero della salute.